Breve storia di un colore “sbagliato”

In questi giorni devo davvero darmi da fare se voglio arrivare pronta e carica di colori e matasse ai prossimi eventi in calendario: domenica 14 ottobre “Di Filo in Filo” a Caraglio (CN); sabato e domenica 18 e 19 novembre “Barcelona Knits” a Barcellona (Spagna).

Eccomi quindi a ritrovare i colori che sono esauriti e che ho voglia di ripetere.
Uno di questi è sicuramente STREET ART.

Street art

Qualche giorno fa ho preparato tutto il necessario per cominciare a tingere: matasse, contenitori, guanti, grembiule e…. pigmento. Ecco, pigmento!

Spesso mi capita di preparare un colore e poi avanzarlo, quindi lo lascio in un bicchierino e lo tengo da parte per una prossima sessione di tintura. Una cosa che però non ho l’abitudine di fare (mannaggia a me!) è scrivere il nome all’esterno del bicchiere.

Ecco quindi che… quello che io era convinta fosse un avanzo di grigio, si è rivelato, invece, del blu.

Ma erano davvero uguali!!!

Bicchieri

Nel momento in cui mi sono resa conto che quella che si stava rivelando sulla matassa non era la sfumatura che io avevo pensato… era troppo tardi!

Che fare allora? Semplice! Inventare un colore tutto nuovo!

Et voilà!

image_6483441

Ora non mi resta altro da fare che trovargli il nome intrigante che si merita.