Tits Out Collective

Oggi vorrei raccontarvi una storia.
La storia di una contessa moderna, di un finto evento benefico, di una frase sconveniente e di un colore diventato un vero simbolo di protesta.

E’ cominciato tutto qualche mese fa, era marzo. Countess Ablaze, una famosa tintora di Manchester, ha ricevuto una proposta di “collaborazione” a dir poco ambigua. Una piccola impresa locale, quasi sconosciuta, l’ha invitata ad organizzare presso il proprio studio di Manchester una serata di “beneficenza” in cui avrebbe dovuto impartire (a proprie spese ed investando circa £ 800 di filato) lezioni di uncinetto a <<signore di mezza età accompagnate dalle proprie fidanzate, alle quali servire merendine e té scadente in cambio di notorietà>>.

Quest’ultima frase ha fatto infuriare la Contessa che, per protesta, non solo non ha accettato l’invito, ma ha creato due nuovi colori: Shit Tea and Tray Bake (té di merda e merendine) If I Want Exposure, I’ll Get My Tits Out (se volessi notorietà, tirerei fuori le tette); ed ha donato ad un’associazione umanitaria in difesa delle donne vittime di violenza £ 3 per ogni matassa venduta.

shittea2_1400x.progressive

Le vendite sono andata ben oltre il previsto e grazie a queste è stato possibile devolvere all’associazione più di £ 3000!!

Ora, circa tre mesi dopo tutto questo, un/a tintore/a che aveva lavorato una matassa  If I Want Exposure, I’ll Get My Tits Out originale ha deciso di rifarla da sé e venderla senza citarne la provenienza e senza menzionare il fatto che questo colore fosse diventato un vero simbolo di protesta.

tits_large

Questo discutibile gesto ha portato nuovamente a scaternarsi l’ira della Contessa che ha deciso, questa volta, di rendere la propria reazione ancora più eclatante: ha invitato tintori, designers e creatori di accessori ad unirsi a lei, a creare la propria versione di If I Want Exposure, I’ll Get My Tits Out e a metterla in vendita dal 1° al 31 luglio 2018, donando almeno £ 3 del ricavato ad un’associazione umanitaria a propria scelta.

Il 1° agosto verrà annunciato l’ammontare totale che si è riusciti a raccogliere grazie al contributo di tutti.

E secondo voi, io avrei mai potuto esimermi dal partecipare ad un’iniziativa tanto importante? Certo che no!! Ecco perchè ho creato il mio personalissimo If I Want Exposure, I’ll Get My Tits Out – All Women deserve a LorD (se non trovi un vero Lord, ti meriti un LorD-y) ed eccolo qui:

post_TITSOUTCOLLECTIVE_3

Disponibile in negozio ed in preordine dall’1 al 31 luglio!

E’ tornata la mania dei calzini

E sì, ci risiamo!

Pare proprio che sia tornata la mania dei calzini. O forse non se ne era mai andata?
Sta di fatto che, ciclicamente, ci si ritrova in tanti a lavorare calzini. Non c’è comunicazione, non c’è notizia né ragione particolare, ma succede che qualcuno salti su mostrando la foto di un calzino in lavorazione e si scopra che contemporaneamente numerose altre persone stanno facendo lo stesso, seppur a chilometri di distanza. E’ davvero divertente!

Alzi la mano chi, tra voi, non  ha mai confezionato almeno un calzino.
Questi oggetti strani che la maggior parte di noi non indosserà mai, ma che sono semplici nella scelta dei punti e lavorati con lane talmente divertenti da non potervi resistere.

IMG_6016

A me la mania del calzino è tornata a farsi viva impetuosamente già qualche mese fa ed il mio primo pensiero, ovviamente, è stato: “perché nel mio negozio non ci sono tanti bei gomitoli di lana per calze autorigante?”.

Ci ho lavorato un bel po’, ho studiato la composizione, ho studiato i metraggi, ho cercato le combinazioni di colore secondo me più belle e…. con grande piacere oggi vi presento le mie Bolle di Colore per calze!

20180220_155448.jpg

Andate in negozio e scorrete la gallery delle foto. Riuscite ad immaginare quanti bei calzini si possono fare con quei colori? Senza contare, poi, che è anche possibile abbinarvi una mini matassa da 20 gr/85 mt in tinta unita per impreziosire ulteriormente la punta, il tallone e/o il bordo (da ordinare su richiesta).

Io ne ho già confezionati diversi con il filato che ho scelto e mi piacerebbe davvero potervelo far toccare. Rispetto alle lane da calzini classiche è più sottile (si lavora con il 2 o 2,5 mm), compatto, rasato e morbido; non vi è ombra di pelucco! L’unica cosa da fare per apprezzarne davvero la qualità è lavorarlo.

Ogni gomitolo di Bolle di Colore verrà spedito nella sua speciale scatola corredata dalle istruzioni in italiano per lavorare i calzini.

scatola e libretto finti

Io mi ributto nel tunnel. Sono certa che non mi sentirò sola!

SHOP UPDATE IN ARRIVO

Manca pochissimo, ormai.
Il prossimo 29 settembre partirà l’evento che ogni knitter che si rispetti non può sottovalutare: il Westknits Mystery Kal 2017.

Ma questo già lo sapevi.

Quello che ancora non puoi sapere, però, è che anch’io ho deciso di dare il mio tocco di colore a questo vero e proprio evento.

Ho creato, esclusivamente per questa occasione, 7 (sette!) kit unici ed irripetibili.
Unici perché ciascuno è diverso nei colori e nelle sfumature (ogni matassa è stata tinta singolarmente. E’ impossibile averne due identiche!).

Irripetibili perché non ho intenzione di tingerne altri uguali.

Ogni kit è composto da: 3 matasse da 100 gr/365 mt di superwash merino single + 5 mini matasse da 20 gr/80 mt di superwash merino 4ply.

Il solo modo possibile per aggiudicarsi uno di questi pezzi unici è tramite lo shop online.

Domani, martedì 19 settembre, alle ore 21:00, pubblicherò lì un aggiornamento con tutti i kit disponibili, dove rimarranno fino ad esaurimento.

Quanto, quanti e quali, dipenderà da voi.

Note tecniche importanti: I kit sono già pronti, non modificabili, né personalizzabili.

La partenza delle spedizioni è garantita entro le 24 ore successive al pagamento, via corriere.

Hai già bloccato la tua agenda?